Superbonus: ponteggi e puntelli tra Agevolazione 110% e Super Ecobonus e Sismabonus

Facciamo chiarezza sul Superbonus 110%: cos’è, chi può usufruirne e quali spese possono rientrare nelle detrazioni ad esso relative.

RICHIEDI UN PREVENTIVO ONLINE

Nella seconda metà del 2020 il settore dell’edilizia è in rampa di lancio, anche grazie a un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio per specifici interventi.

Ma in cosa consiste esattamente? Chi ne può usufruire? E come stabilire se effettuare l’acquisto del materiale necessario rientra o meno in tale bonus?

In cosa consiste l’agevolazione?

Il Superbonus è un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Le nuove misure si aggiungono alle detrazioni previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli per la riduzione del rischio sismico (c.d. Sismabonus) e di riqualificazione energetica degli edifici (cd. Ecobonus).

Tra le novità introdotte, è prevista la possibilità, al posto della fruizione diretta della detrazione, di optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante. In questo caso si dovrà inviare dal 15 ottobre 2020 una comunicazione per esercitare l’opzione. Il modello da compilare e inviare online è quello approvato con il provvedimento dell’8 agosto 2020.

A chi spetta l’agevolazione?

Il Superbonus si applica agli interventi effettuati da:

  • condomìni
  • Persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l'immobile oggetto dell'intervento
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di "in house providing"
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • Onlus e associazioni di volontariato
  • Associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

I soggetti Ires rientrano tra i beneficiari nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati sulle parti comuni in edifici condominiali.

Per usufruire della detrazione si deve possedere o detenere l'immobile in base a un titolo idoneo. In particolare, la detrazione spetta:

  • ai proprietari e nudi proprietari;
  • ai titolari di un diritto reale di godimento quali usufrutto, uso, abitazione o superficie;
  • ai locatari o comodatari (previo consenso del legittimo possessore);
  • ai familiari conviventi del possessore o detentore dell’immobile ristrutturato, a condizione che sostenga le spese e siano intestati a lui bonifici e fatture;
  • al convivente more uxorio del proprietario dell’immobile anche in assenza di un contratto di comodato.

Quali sono gli interventi che rientrano nell’agevolazione?

Interventi principali o trainanti

Il Superbonus spetta in caso di:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti"
  • interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Interventi aggiuntivi.

Oltre agli interventi trainanti sopra elencati, rientrano nel Superbonus anche le spese per interventi eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali di isolamento termico, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o di riduzione del rischio sismico. Si tratta di:

  • interventi di efficientamento energetico
  • installazione di impianti solari fotovoltaici
  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici

Quali sono i limiti di spesa previsti dall’agevolazione?

Interventi di isolamento termico - La detrazione spetta per una spesa massima di 40.000 euro moltiplicata per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da 2 a 8 unità. Se l’edificio ha più di 8 unità abitative la spesa massima si abbassa a 30.000 euro a unità. Per gli edifici unifamiliari o per gli appartamenti in condominio ma con accesso autonomo all’esterno la spesa massima detraibile è di 50.000 euro.

Interventi condominiali per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti - La spesa massima per usufruire del 110% è di 20.000 euro moltiplicata per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici fino a 8 unità. Se le unità sono più di 8 la spessa massima per ognuna si abbassa a 15.000 euro.

Interventi su edifici singoli - La detrazione spetta anche per le spese di smaltimento o bonifica dell’impianto sostituito. La spesa massima per usufruire del 110% è di 30.000 euro.

In particolare, in caso di installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica, la detrazione del 110% spetta su una spesa massima di 48.000 euro.

Gli interventi antisismici che danno diritto alla detrazione del 110% sono tutti quelli compresi nell’attuale sismabonus con limite di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare.

Per ottenere il superbonus è necessario:

  • pagare tramite bonifico bancario o postale parlante dal quale risulti la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e la partita Iva del soggetto destinatario del bonifico. Possono essere usati anche i moduli di bonifico attualmente predisposti dalle banche per i pagamenti di ristrutturazioni edilizie ed ecobonus;
  • depositare in Comune, se previsto, la relazione tecnica dell’intervento;
  • acquisire l’attestato di prestazione energetica pre e post intervento;
  • trasmettere ad enea telematicamente sul sito dedicato, entro 90 giorni dalla fine dei lavori i dati per la compilazione della scheda descrittiva che si ricavano dall’ape e quelli informativa dell’intervento contenente le anagrafiche dell’immobile, beneficiari costi sostenuti;

Documentazione utile

Guida al superbonus 110% dell'Agenzia delle Entrate, aggiornata al Febbraio 2021

Allegati e moduli

Allegato 1, istruzioni per la compilazione

Allegato 2, modulo da compilare

Allegato 3, specifiche tecniche

Ultimo aggiornamento:

Ultime news

Ponteggio multidirezionale GBM certificato EN 17067:2013

Ponteggio multidirezionale GBM certificato EN 17067:2013

La soluzione ideale per la progettazione e la costruzione di ponteggi complessi
Guida ai vari tipi di gru da cantiere

Guida ai vari tipi di gru da cantiere

In ogni cantiere in cui si opera in quota o dovendo movimentare elementi costruttivi altrimenti inamovibili, si possono trovare i tre tipi di gru più utilizzate: la gru a torre, le gru a torre automontante e le gru telescopiche.
Superbonus: ponteggi e puntelli tra Agevolazione 110% e super ecobonus e sismabonus

Superbonus: ponteggi e puntelli tra Agevolazione 110% e super ecobonus e sismabonus

Facciamo chiarezza sul superbonus: cos’è, chi può usufruirne e quali spese possono rientrare nelle detrazioni ad esso relative.

News

Contatti: info, prezzi e preventivi.

Vuoi maggiori informazioni sui prodotti GBM? Chiedici tutto!

 



Preferisci contattarci diversamente? Nessun problema, ecco i nostri riferimenti:

Contatto GBM

Telefono
+39 030 9067005

Whatsapp
+39 331 188 0953